.
Annunci online

  portierisinasce [ un ruolo un perchè! ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


BeppeGrillo
Libero

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


28 giugno 2006

BANKS GORDON


Gordon Banks è stato giudicato il miglior portiere del mondo del 1970. Già questo sarebbe sufficiente come biglietto da visita. Nella sua carriera ha vinto 4 scudetti, due Coppe d’Inghilterra. Ma è con la Nazionale che Gordon ha ricevuto la consacrazione a livello internazionale. È infatti lui il portiere titolare dell’Inghilterra vincitrice dei Mondiali del 1966, che rimane tuttora l’unico mondiale vinto dalla selezione Inglese. In ben 35 occasioni, su 73 incontri, ha mantenuto inviolata la rete della Nazionale. Nel 1970, anno del suo secondo mondiale, durante una gara contro il Brasile, ha effettuato su Pelè (che aveva colpito di testa il pallone crossato da Jairzinho) la parata che è stata giudicata all’unanimità la parata più bella di tutti i tempi. Lo stesso Pelè disse a fine partita che: ” ho odiato Banks più di ogni altro calciatore, non potevo crederci. Ma quando è passata l’ira, ho dovuto applaudirlo con tutto il cuore. Era la più grande parata che io avessi mai visto ”. Lo stesso Marino Bartoletti, tra i più famosi telecronisti della Rai, descrivendo l’azione, raccontò che Pelè stava già gridando al gol quando Banks, con un balzo prodigioso riuscì a raggiungere il pallone e colpirlo con il pugno, facendolo impennare oltre la traversa. La sua carriera si è interrotta improvvisamente nel 1972 a causa di un incidente stradale che gli ha causato la perdita dell’occhio destro. Ciò nonostante rimane ancora un idolo per i tifosi Inglesi.




permalink | inviato da il 28/6/2006 alle 21:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

sfoglia           

"Qual è il portiere che non si dispera per un gol subito? Dev'essere tormentato. E se rimane calmo è la fine. Non ha importanza cosa ha fatto in passato, uno così non ha futuro". LEV YASHIN



"Il pallone è come un nemico che non bisogna far entrare in casa". VALERIO BACIGALUPO